ilnardi.it
09 ottobre - Matematica
Due milioni e mezzo di occupati stranieri
È il dato del 2018. Tutti insieme generano centotrentanove miliardi di euro con un gettito Irpef di tre miliardi e mezzo e 13,9 13,9 miliardi di contributi versati


La fuga dei giovani italiani ci costa sedici miliardi miliardi. Sono dati messi a disposizione da una ricerca della Fondazione Leone Moressa.

Cinque milioni duecentocinquantacinque mila sono gli stranieri regolari residenti in Italia, pari all’8,7% della popolazione italiana.

“Nel 2018 i Permessi rilasciati dall’Italia (primo rilascio) sono stati 239 mila. E solo nel 6% dei casi si tratta di Permessi di Lavoro. Nello stesso periodo sono aumentati gli arrivi irregolari ed il lavoro nero” (Sempre nella ricerca).

La fascia occupazionale degli stranieri si definisce perlopiù come “Occupazione complementare”. Questo significa che la maggior parte degli occupati stranieri svolge lavori poco qualificati (33%), mentre gli occupati italiani si collocano nelle professioni più qualificate (39%). Esprimono il 9% del Pil italiano composto per il 68% da domestici; il 56% da badanti; il 40% da venditori ambulanti; il 32% da braccianti agricoli.

Rispetto a 10 anni fa sono diminuiti i Permessi di Soggiorno e crollati i Permessi di Soggiorno per Lavoro (-96%). A livello europeo l’Italia è il quattordicesimo paese per numero di Permessi per lavoro rilasciati.